Giorno della Memoria: il mio pensiero

Voglio condividere con voi le parole della canzone di Claudio Chieffo “La nuova Auschwitz” in occasione del Giorno della Memoria: “Non è possibile essere come loro ma…ma non è morto il male del mondo e noi tutti lo possiamo fare…non è difficile essere come loro”

La nuova Auschwitz
Parole e musica di Claudio Chieffo
luglio 1967 a Valeria Capelli
Io suonavo il violino ad Auschwitz mentre morivano gli altri ebrei,
io suonavo il violino ad Auschwitz mentre uccidevano i fratelli miei,
mentre uccidevano i fratelli miei, mentre uccidevano i fratelli miei…
Ci dicevano di suonare, suonare forte e non fermarci mai,
per coprire l’urlo della morte, suonare forte e non fermarci mai,
suonare forte e non fermarci mai, suonare forte e non fermarci mai…
Non è possibile essere come loro,
non è possibile essere come loro…
Nel mondo nuovo che ora abbiamo creato
c’è la miseria, c’è l’odio ed il peccato,
c’è l’odio ed il peccato, c’è l’odio ed il peccato…
Ora siamo tornati ad Auschwitz dove c’è stato fatto tanto male,
ma non è morto il male nel mondo e noi tutti lo possiamo fare
e noi tutti lo possiamo fare e noi tutti lo possiamo fare…
Non è difficile essere come loro,
non è difficile essere come loro…
Ora suono il violino al mondo mentre muoiono i nuovi ebrei,
ora suono il violino al mondo mentre uccidono i fratelli miei,
mentre uccidono i fratelli miei, mentre uccidono i fratelli miei…