Ilva di Taranto: attenzione a salute, ambiente e lavoro

A Taranto non si deve arrivare alla guerra tra lavoro e ambiente. Pensiamo alla salute e all’esigenza di permettere la continuità nel lavoro. I danni alla vita delle persone non derivano solo dall’ambiente

Ho l’impressione che a Taranto si stia cercando di costruire una guerra tra lavoro e tutela dell’ambiente.
Al contrario, dovremmo preoccuparci, tutti, di come coniugare la difesa dell’ambiente e della salute con l’esigenza, sacrosanta, di permettere che migliaia di operai mantengano il proprio impiego. Creare facili e strumentali contrapposizioni e’ solo un modo per aumentare il disagio sociale e allontanare una soluzione.
Leggi anche “Sequestro Ilva lascia a piedi 20.000 operai
Gia’ in passato, penso a Bagnoli, abbiamo avuto l’esempio concreto di come l’irrogidirsi di alcune posizioni puo’ produrre contemporaneamente danni all’ambiente e alla vita delle persone.