Berlusconi fa un passo indietro vero

Ecco la mia intervista a ilsussidiario.net. Il passo indietro di Berlusconi è vero perchè è il frutto di un lavoro che stava procedendo da giorni. Ecco cosa ci aspetta
Leggi l’intervista integrale su ilsussidiario.net “Lupi: il passo indietro è vero, così farà rinascere il centrodestra”
IL PASSO INDIETRO > Se fare politica vuol dire mettersi al servizio del bene del Paese, a partire da quello in cui uno crede, il suo passo indietro rappresenta esattamente un gesto di grande responsabilità in tale senso. L’auspicio è ovviamente quello di costruire una proposta più ampia per coinvolgere tutti i moderati. Perchè se l’ostacolo fino a poco tempo fa era lui, ora in tanti potranno farsi avanti dalla società civile.
Leggi anche “Berlusconi si o no: conta il futuro del nostro Paese
NUOVO LEADER > il passo indietro di Berlusconi inaugura un percorso per individuare una figura che possa unire i moderati pur nella diversità.
RICOSTRUIRE UN TESSUTO SOCIALE > Di fronte alla sfida della crisi, dobbiamo innanzitutto ricostruire un tessuto sociale e identitatio che si fonda su valori quiali la centralità della persona, l’importanza dell’educazione, e la famiglia come punto di riferimento anche come primo ammortizzatore sociale.
MONTI BIS? > Monti è una risorsa per il Paese e la sua forza consiste nell’essere terzo rispetto agli schieramenti politici. Ma la democrazia non deve spaventare nessuno: se si decidesse che può fare il presidente del Consiglio occorrerebbe che si candidasse. Non gli tiriamo la giacca prima ancora di capire come si evolve la situazione.
E’ SUFFICIENTE PER UN NUOVO PDL? > Nuove regole non bastano a sistemare tutto. La questione morale la si risolve ripartendo da ciascuno di noi: qual’è il motivo per cui facciamo politica? Quali sono le ragioni per le quali si è deciso di impegnarsi? Se uno sbaglia in certi termini, o il suo modo di vedere non rientra nel nostro, non può farne parte.
Leggi anche “Ecco il futuro del nostro partito
 

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter