Ancora alta la mobilitazione per i Marò

Dalla rete nascono altre richieste di mobilitazione per aumentare l’attenzione dell’opinione pubblica sul caso dei Marò. E nel frattempo il nostro Governo si da da fare per riportarli a casa
Dal 19 febbraio i nostri marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono trattenuti in India perché accusati di aver ucciso due pescatori indiani sparando nel corso del servizio antipirateria a bordo di una nave italiana.
Le Ferrari hanno corso con la bandiera della Marina militare. E Alonso è anche riuscito ad arrivare secondo in rimonta al Gran premio d’India.
LE INIZIATIVE > Ora il web chiede altri gesti significativi. Leggi ““Il 4 novembre ricordiamoci dei marò” via ilgiornale.it C’è chi chiede al presidente Napolitano di parlare in favore dei Marò nell’ambito delle celebrazioni. Altri chiedono che il fiocco giallo sia presente anche in occasione della parata militare a Roma. E poi c’è la pressione sul mondo dello sport, per fare in modo che il gesto della Ferrari non resti isolato. Il gruppo Facebook «Ridateci i nostri Leoni», che conta 70mila simpatizzanti, chiede alla Figc di invitare tutti i calciatori professionisti a indossare un nastro giallo in occasione delle partite di domenica 4 novembre.
IL GOVERNO PREME > Intanto il Ministro Terzi ha colto l’occasione dell’insediamento del nuovo collega indiano Salman Khurshidad per telefonargli e ricordargli che l’Italia si aspetta in tempi rapidi una soluzione positiva del caso dei due marò. Se questo non avvenisse, ha detto Terzi al ministro indiano, il protrarsi di questa incresciosa vicenda non potrà che avere ripercussioni negative sulle relazioni bilaterali Roma-New Delhi. Tutto questo in vista dell’8 novembre, data a cui è stata rinviata per l’ennesima volta l’udienza del processo a Latorre e Girone presso il tribunale di Kollam.
SU FACEBOOK, SU TWITTER E SUI BLOG, FACCIAMOCI SENTIRE. DEVONO TORNARE SUBITO A CASA.

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter

Salviamo i nostri Marò in India