Il Pdl va rilanciato per farne il Ppe italiano

La legge elettorale, le primarie e le alleanze. Il punto centrale resta il rilancio del Pdl per farne il più grande partito dei moderati italiani. Ecco l’intervista a Il Mattino

Ecco l’intervista integrale a Il Mattino “Udc, si al dialogo ma da Sicilia e Lombardia brutti segnali”
NUOVA LEGGE ELETTORALE > Non farla sarebbe un altro pungno nello stomaco ai cittadini e costituirebbe un’ulteriore perdita di credibilità per le istituzioni. Sarebbe una sconfitta per tutti.
Leggi anche “Primarie: le ricostruzioni sul Pdl sono false
IL PREMIO DI MAGGIORANZA > Il Pdl è dispostissimo al dialogo ma si parte dal rilievo della Consulta: deve esserci una soglia perchè la coalizione vincente acceda a un premio di maggioranza che sia proporzionato. Ma non possiamo consentire che ci vince ottenga tutto e comunque i voti vanno conquistati sul campo. Anche il “premio” del 10% al primo partito è troppo alto.
NODO ALLEANZE > Pensiamo prima alle primarie poi alle alleanze. Con l’Udc il dialogo resta aperto ma se poi loro scelgono esattamente la strada contraria (in Sicilia come in Lombardia) ci sono ben poche speranze di successo. Quanto alla Lega di Maroni, certo sarebbe importante una convergenza per dare una base territoriale forte alla coalizione di centrodestra.
Leggi anche “Primarie Pdl: ecco regole e primi candidati
Ma il punto centrale resta il rilancio del Pdl per farne il più grande partito dei moderati italiani.
 

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter