Più risorse per il lavoro nelle carceri

Da tempo vi parlo del lavoro nelle carceri. Un tema fondamentale perchè la pena sia davvero rieducativa. Ieri in Parlamento abbiamo ottenuto in passo avanti importane per destinare risorse a questa voce. Ecco i dettagli

In un momento come quello attuale, dove la sfiducia verso la politica aumenta con il passare dei giorni, è importantissimo far capire ai cittadini che il Parlamento non è fermo, ma continua a lavorare per migliorare la legge di Stabilità e cercare di rispondere in maniera efficace ai problemi della società.
Oggi (12 novembre 2011), ad esempio, è stato approvato in commissione Bilancio un emendamento che destina risorse per favorire il lavoro nelle carceri che rappresentano sicuramente uno dei nodi scoperti del nostro sistema giudiziario.
Leggi anche “Spending review? Carcere e lavoro fanno risparmiare
Siamo grati al ministro Paola Severino che, consapevole della bontà delle straordinarie iniziative che esistono da anni in alcuni istituti penitenziari italiani, ha accolto la nostra richiesta e ha affermato: “Nelle carceri c’è un problema di sovraffollamento ma lo risolviamo prevalentemente abbattendo la recidiva che si abbatte col lavoro carcerario consentendo a queste persone di riprendere la loro vita fuori dal carcere e il loro reinserimento sociale”. Leggi “Carceri: Severino, abbattere recidiva contro sovraffollamento” via asca.it.
Leggi anche “Carcere: una seconda occasione per i detenuti
Ci sembra un primo passo per arrivare quanto prima all’approvazione della legge bipartisan che è stata presentata alla Camera con l’obiettivo di rendere ancora più estesa questa esperienza.
Maurizio Lupi
Gabriele Toccafondi
 

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter