105.000 cristiani uccisi nel 2012, un bilancio tremendo

Anche ieri dei cristiani sono morti. Nel giorno di Santo Stefano Martire abbiamo appreso di una ragazza cristiana uccisa in Pakistan. Perchè non solo nell’antichità ma anche nel 2012 i cristiani muoiono a causa della loro fede. Non dimentichiamolo…

Nel 2012 sono stati uccisi ben 105.000 cristiani, significa un morto ogni 5 minuti. Leggi l’intervista a Introvigne via radiovaticana.va. Quindi non è un massacro limitato ai tempi degli antichi romani, anzi. La libertà religiosa è in pericolo ovunque, anche a casa nostra.
I luoghi più a rischio sono i Paesi dove è forte la presenza del fondamentalismo islamico (Nigeria, Somalia, Mali, Pakistan e certe regioni dell’Egitto), i Paesi dove esistono ancora regimi totalitari di stampo comunista (Corea del Nord) e Paesi dove ci sono nazionalismi etnici come lo stato dell’Orissa, in India. In questi luoghi i cristiani rischiano di perdere la propria vita anche solo per andare a messa o al catechismo.
Leggi anche “Delegazione della Nigeria alla Camera per i cristiani
Anche nel giorno di Natale altri episodi di violenza e morte in Nigeria. Ma noi non dimentichiamo e preghiamo per loro dandoci da fare anche per vie politiche e diplomatiche.

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter

maurizio lupi cristiani uccisi 2012