Appello ai cattolici per un dialogo bipartisan

Appello ai cattolici del Pdl, del Pd e del centro con Monti perchè dopo la campagna elettorale continuino a dialogare bipartisan su libertà, sussidiarietà, famiglia, impresa e scuola. Io scelgo il Pdl perchè persone diverse sono insieme su valori fondanti

Cari lettori, ecco alcuni spunti dall‘intervista del 9 gennaio 2013 ad Avvenire: “Il forum di Todi, no a strumentalizzazioni”
APPELLO AI CATTOLICI CON MONTI E BERSANI
Abbiamo davanti una stagione nuova. C’è bisogno di dialogo per ricostruire insieme. Su tutti i temi, e anche su quelli etici. Finita la campagna elettorale, evitiamo di issare gli stendardi e apriamo un confronto ragionevole mettendo al centro l’inviolabile dignità della persona, principio che i cattolici non difendono per loro stessi ma per il bene del Paese intero, come intuirono i padri costituenti.
Leggete anche “Lettera aperta ai cattolici italiani dai credenti del Pdl
DOPO LA CAMPAGNA ELETTORALE
Auspico una stagione di dialogo bipartisan. Io ho sposato e continuo a sposare il Pdl perchè persone di diversa provenienza si sono ritrovate su alcuni valori fondanti. Le libertà, la sussidiarietà, la famiglia, l’impresa, la scuola etc…
SULL’ANIMA LAICISTA DEL PDL
Distinguiamo tra i singoli diritti che spettano a ogni singolo uomo a prescindere dagli orientamenti religiosi, politici, culturali e sessuali. Altro è minare i valori non negoziabili. E dovrebbero esserli per qualsiasi credente in qualsiasi partito militi. Anche nel Pd…
PROGRAMMA PDL
Lo vedrete. Al primo punto c’è la famiglia come perno della società che lo Stato deve servire e non svuotare di risorse e valori. Un impegno che, per esempio, abbiamo messo in campo anche nel leale sostegno all’esperienza del governo Monti migliorando la Legge di Stabilità in favore della famiglia.
Leggete anche “Italia Popolare: il mio intervento per un nuovo Pdl
NON SIAMO UNA NICCHIA
L’errore che si può compiere nel Pdl ma anche nel Pd e nel centro è di chiudere i cattolici in una nicchia tipo “loro sono gli esperti dei temi etici”. Niente di più sbagliato. Il nostro compito è portare una visione integrale dell’uomo e della società, incidere sulle piattaforme economiche e sociali partendo dalle grandi questioni educative e morali su cui poggiano. Il cristianesimo non è una proposta di nicchia.

Ti è piaciuto questo articolo? > Iscriviti alla newsletter