Cinque italiane tra le top 100 aziende hi tech

La qualità del Made in Italy viene ancora una volta riconosciuta internazionalmente. 5 start-up innovative Made in Italy tra le 100 migliori.

Ma non si tratta di moda o design, bensì di alta tecnologia. Cinque aziende italiane sono state premiate ad Amsterdam con la Red Harring Top 100 Europe. Wi-Next, D-Orbit, RTR Rete Rinnovabile, WiTech e Zerogrey. Hanno superato una severa selezione tra migliaia di startup e spin-off di società hitech.
In un periodo di sofferenza economica e finanziaria questo riconoscimento è la riprova che la creatività, la capacità imprenditoriale e la competenza tecnica nel nostro paese non sono venute meno.
E’ pratica corrente parlare male del nostro sistema universitario, ma i nostri atenei continuano a sfornare cervelli, e non tutti fuggono all’estero. La politica, il regime fiscale, la deburocratizzazione, le infrastrutture devono mettersi al servizio di queste realtà, riconoscerle, favorirne la nascita di nuove, sostenerle e aiutarle nella crescita incentivando fiscalmente chi investe in ricerca, sviluppo e quindi anche in occupazione.
Per farlo ci vuole un governo. È questa la nostra responsabilità trasversale.