La sentenza della Consulta su Berlusconi è sconcertante e mi preoccupa

Appena ho saputo la sentenza, con gli altri ministri del Pdl siamo andati immediatamente dal presidente Berlusconi perchè la decisione della Consulta è incredibile.

 
LA SENTENZA
La Consulta ha infatti respinto il ricorso dei legali di Silvio Berlusconi negando il illegittimo impedimento: all’epoca dei fatti non aveva potuto partecipare all’udienza del primo marzo 2010 del processo Mediaset per impegni di governo – era premier !! – in Consiglio dei Ministri.
 
SIAMO PREOCCUPATI
Con Angelino Alfano, Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorenzin e Gaetano Quagliarello ci siamo recanti da Berlusconi perchè questa decisione della Corte è davvero incredibile. Sono allibito, amareggiato e preoccupato. Travolge ogni principio di leale collaborazione e sancisce la subalternità della politica all’ordine giudiziario.
È incredibile che in Italia un Consiglio dei Ministri non sia legittimo impedimento, sono molto preoccupato. Il senso di responsabilità del presidente Berlusconi non toglie lo sconcerto per questa sentenza.
LEGGETE ANCHE: L’impedimento di Berlusconi il 15 marzo è legittimo
 
IL COMMENTO DI BERLUSCONI
Berlusconi ha commentato:

“[…] Perciò anche l’odierna decisione della Consulta, che va contro il buon senso e tutta la precedente giurisprudenza della Corte stessa, non avra’ alcuna influenza sul mio impegno personale, leale e convinto, a sostegno del governo né su quello del Popolo della Libertà. E ciò nonostante continui un accanimento giudiziario nei miei confronti che non ha eguali nella storia di tuttii Paesi democratico.
Questo tentativo di eliminarmi dalla vita politica che dura ormai da vent’anni, e che non è mai riuscito attraverso il sistema democratico perché sonompre stato legittimato dal voto popolare, non potrà in nessun modo indebolire o fiaccare il mio impegno politico per un’Italia più giusta e più libera.