Intervista a Porta a Porta: siamo il partito dei moderati o degli estremisti?

Nella puntata di Porta a Porta di lunedì 7 ottobre, Bruno Vespa ha trasmetto le interviste ai minstri del Pdl del governo Letta. Ecco i miei interventi.

 
IL FUTURO DEL PARTITO
Non è in atto nessuna epurazione ma una riflessione seria: il partito in cui siamo è il partito dei moderati che rappresenta imprenditori, famiglie, giovani in cerca di un lavoro e una società che si mette al servizio dei cittadini e non viceversa o è il partito degli estremisti?
LEGGETE ANCHE: Forza Italia non può essere un movimento estremista in mano a degli estremisti
 
RAFFAELE FITTO
Se Raffaele vuole come noi che una classe dirigente su cui il presidente Berlusconi ha investito e che ha formato possa prendere in mano in continuità con lui e con la sua azione la nuova Forza Italia, il nuovo grande partito dei moderati, credo che su questo si lavori insieme.
Se invece dobbiamo, come sempre, ridurre la politica al calcolo delle correnti e al confronto congressuale, credo che non abbiamo capito che cosa la gente ci chiede.
LEGGETE ANCHE: Condannato Fitto: siamo tutti degli ingenui?
 
LE INTERFERENZE DEL PD
Enrico Letta ha dichiarato che con il voto di fiducia in Senato “si è chiusa una stagione politica“. Chiedo con molta forza e rispetto che il Partito Democratico, il presidente del Consiglio Letta, il segretario del Pd Epifani, si occupino delle questioni interne al loro partito.
Mi sembra che ne abbiano: ad esempio la divisione lacerante di un congresso che dovranno celebrare. Invece lascino a noi con forza e con orgoglio di portare il nostro contributo da Popolo della Libertà e da parte di Berlusconi che ha fortemente voluto questo governo, a questo esecutivo nato in un momento eccezionale.