Condivido in pieno le parole di Napolitano. L'emergenza carceraria va risolta

Carceri. Rilancio con forza il messaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

 
Condivido in pieno il messaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulle carceri.
Quasi 65.000 detenuti in strutture che possono ospitarne al massimo 47.000, sono numeri che parlano di indifferenza verso la dignità degli uomini e delle donne detenuti in condizioni umanamente intollerabili.
LEGGETE ANCHE: Spending review? Carcere e lavoro fanno risparmiare
Ne va delle civiltà del nostro paese. Di fronte a situazioni drammatiche ed emergenziali si giustificano soluzioni straordinarie come l’amnistia e l’indulto. Ridurre il numero dei detenuti e contenere i tempi della custodia cautelare è un atto di umanità e di giustizia, due valori inseparabili e che è difficile riconoscere nella situazione di sovraffollamento delle nostre carceri.
Visto che è così attuale vi invito a leggere l’editoriale di Avvenire che ho firmato con Enrico Letta il 21 gennaio 2012 “Un lavoro per i carcerati, a tutti una seconda chance“.