Emergenza casa, sospensione degli sfratti per le categorie disagiate

Il Consiglio dei ministri ha deciso la sospensione sino al 30 giugno 2014 dei procedimenti di sfratto in corso per famiglie con situazioni di forte difficoltà.

 
Questa non è una proroga generalizzata degli sfratti, ma come promesso il segno di un’attenzione forte alle emergenze reali e alle situazioni più disagiate.
LEGGETE ANCHE: Via al Plafond Casa: 2 miliardi per il mutuo sull’abitazione principale
 

REQUISITI

Le persone che possono beneficiare del provvedimento sono quelle con le seguenti caratteristiche:

  • reddito annuo lordo familiare inferiore a 21.000 euro;
  • residenza nei comuni capoluoghi di provincia, nei comuni limitrofi con oltre 10.000 abitanti e nei comuni ad alta tensione; abitativa (delibera CIPE del 13 novembre 2003 n. 87/03);
  • che siano o abbiano nel proprio nucleo familiare figli fiscalmente a carico;
  • persone ultra-sessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66 per cento;
  • purché non siano in possesso di un’altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza.