Daremo battaglia sulle preferenze. La gente vuole scegliere i propri rappresentanti.

Leggete la mia intervista al Corriere della Sera “Faremo l’alleanza ma restiamo diversi da Forza Italia” di Elisabetta Soglio martedì 22 gennaio 2014.

 
Faremo una grande alleanza e puntiamo a diventare punto di riferimento e guida di questo centrodestra. Ci siamo divisi da Berlusconi per precise ragioni politiche e non personali. Non siamo subalterni a nessuno. Vogliamo stare nella stessa coalizione per farla vincere. Certo non abbiamo molto apprezzato il loro tentativo, per altro non riuscito, di usare la legge elettorale per cercare di eliminare la nostra proposta politica.
LEGGETE ANCHE: Siamo contrari a una legge elettorale che cancella tutte le sensibilità diverse dai 2 grandi partiti
 
Ministro, si riferisce alla norma sullo sbarramento inserita nella proposta di riforma elettorale?
No. Mi riferisco innanzi tutto al tentativo di usare il modello “spagnolo” per costruire un bipartitismo e non un bipolarismo. Noi non ci consideriamo un piccolo partito, non abbiamo paura degli sbarramenti e i sondaggi dimostrano che non lo siamo: oggi veniamo accreditati oltre il 6,5 per cento e alle Europee il nostro obiettivo è di arrivare al 10.
Resta tuttavia incomprensibile il fatto che non ci sia, da parte di Forza Italia, il desiderio di coinvolgere con pari dignità nella stessa alleanza tutte le altre forze che hanno sempre lavorato con noi, a partire dalla Lega e da Fratelli d’Italia.
Sondaggio ballarò NCD
 
Sul tema delle preferenze come vi muoverete?
Noi condividiamo l’impianto generale di questa legge, che abbiamo contribuito a modificare rispetto all’iniziale modello “spagnolo”. Questa nuova formulazione garantisce la governabilità, introduce il doppio turno che stabilisce con chiarezza chi vince e chi perde, ripartisce i seggi su base nazionale, evita il proliferare di partitini con lo sbarramento.
 
Ma sulle preferenze?
Daremo battaglia sulle preferenze. La gente vuole scegliere i propri rappresentanti.
Lunga o corta che sia la lista, piccolo o grande il collegio, si darebbe comunque ai cittadini la certezza che i parlamentari ancora una volta vengono decisi dalle segreterie dei partiti. La gente invece vuole poter scegliere i propri rappresentanti al Parlamento e mi preoccupa il fatto che Forza Italia non si renda conto dell’importanza di questo passaggio. I cittadini sono stanchi dei nomi calati dall’alto e delle candidature definite nelle segrete stanze.
 
Renzi dice che se convincete voi Berlusconi, la proposta si può modificare. Ne parlerete al Cavaliere?
Su questo tema si deve convincere il Parlamento e ne va della dignità di ognuno di noi: nessuno credo voglia più sentirsi un “nominato”.
 
Lei pensa che sia possibile convincere Berlusconi e FI?
Spero che il presidente si convincerà da solo, guardando la realtà. Il realismo è la prima grande regola di vita.
 
Fare la coalizione significa che farete pace con Forza Italia?
Mai avuto problemi di pacificazione con gli amici con cui abbiamo lavorato per 20 anni. Noi abbiamo fatto una scelta politica molto chiara, di grande assunzione di responsabilità e di grande rischio personale. Sono contento che, a soli tre mesi di distanza, la divisione abbia convinto Berlusconi a tornare sui propri passi.
 
In che senso?
Beh, ci davano dei traditori e dicevano che facevamo il governo con i “carnefici”. Lui è addirittura andato in casa del “carnefice” perché ha riconosciuto la ragione della scelta del Nuovo centrodestra:l’interesse delle istituzioni e dell’Italia viene prima di tutto.
LEGGETE ANCHE: Non sono mai stato con Berlusconi perchè portava i voti
 
La divisione del Pdl ha indebolito il centrodestra?
Al contrario: in queste tre settimane la nostra coalizione è diventata più competitiva. Forza Italia tiene una quota importante di elettori ma non  recupera i milioni di cittadini che ci votavano e che ci hanno voltato le spalle. Il Nuovo centrodestra ha questo obiettivo e su questo si sta rafforzando.

 
Cosa succede, ora, al governo Letta?
Questa intesa sulla riforma elettorale rafforza l’esecutivo e apre una stagione nuova. Dobbiamo essere concreti e veloci nell’individuare tutti insieme le priorità dei prossimi 14 mesi e dobbiamo sentirci tutti coinvolti, a partire dalla nuova segreteria di Renzi, in questo governo.
LEGGETE ANCHE: Lavoro: sfidiamo Renzi su queste tre priorità
 
Si farà il rimpasto?
Il problema qui non è il rimpasto, ma il fatto che se non si riprende a dare vigore perdiamo tutti: noi, Renzi, ma ancora di più le famiglie e le imprese. Noi ribadiamo che adesso comincia una nuova fase e poi sarà il presidente del Consiglio a decidere con quale formula e con quale strada.
 
Le dimissioni di Cuperlo sono un problema?
Non mi voglio intromettere nelle vicende interne ai partiti. Certo che gli amici del Pd non possono scaricare le loro tensioni sul governo.