Con Renzi in Germania non a ricevere lezioni ma per essere protagonisti della ripresa

A RTL 102.5 è intervenuto stamattina Maurizio Lupi raccontando dell’incontro tra Renzi e la Merkel.
L’incontro Renzi – Merkel mi è sembrato positivo da diversi punti di vista. Non siamo andati in Germania a ricevere lezioni ma a testimoniare che l’Italia può continuare ad essere un grande Paese fondatore dell’Europa e un grande interlocutore, a testa alta, della Germania e degli altri paesi. Ovviamente consapevoli del fatto che dobbiamo mettercela tutta per tornare a crescere e fare quelle riforme fondamentali.
 
PROVVEDIMENTI CONCRETI
La mia impressione, era la prima volta che partecipavo a un vertice con la Merkel e gli altri colleghi tedesci, è stata che questo abbia compito molto e ci ha portato grande rispetto e grande voglia di collaborazione. Adesso solo i fatti potranno dimostrare che la strada che abbiamo intrapreso è quella giusta. Ha colpito che insieme a provvedimenti concreti come quello degli 80€ netti in più al mese, ci siamo riforme strutturali come quella del lavoro. Non è solo un’idea ma un decreto immediato che permetta nei prossimi 3 anni alle imprese di assumere.
 
L’ITALIA IN EUROPA
Negli anni precedenti l’Italia ha sottoscritto con l’Unione europea un patto per tenere il nostro debito sotto controllo e il deficit al 3%. All’interno di questa percentuale dobbiamo lavorare per ritornare a crescere facendo le nostre riforme. Noi con la Merkel non abbiamo messo in discussione questo ma ci siamo presentati a lavorare insieme alla Germania. Penso al mio settore delle Infrastrutture e Trasporti o a quello industriale.
L’Italia è il secondo paese manifatturiero d’Europa, Germania e Italia insieme sono i primi due paesi che si scambiano transazioni, affari, commercio in entrambe le direzioni. Si possono rispettare i conti ma senza crescita l’Italia non va da nessuna parte.
 
Infrastrutture: la sfida non sono solo le infrastrutture materiali come strade, ponti, viadotti e ferrovie che stiamo costruendo (Brennero con la Germania) ma sono anche le grandi infrastrutture digitali.
 
(Intervista al Ministro Maurizio Lupi a RTL 102.5 Non Stop News – 18 marzo ore 8.40)