Tav: no alla delinquenza, avanti con i lavori

Tav: il Ministro delle infrastrutture e Trasporti Lupi è intervenuto alla trasmissione televisiva Uno Mattina su Rai uno parlando del treno ad alta velocità Torino Lione. “Le persone che usano la Tav per compiere atti di violenza non sono contenstatori ma criminali.”

 
“Pensate a che cosa ha voluto dire l’alta velocità nel nostro Paese. Realizzare le grandi opere in Italia è un dovere” così il Ministro Lupi a Uno Mattina. “Noi siamo stati i primi a progettarla nel 1983 ma l’abbiamo realizzata solo nel 2004-2005” ha aggiunto.
 
“Le contestazioni – ha continuato Lupi parlando delle proteste dei No Tav – sono il sale della democrazia e sono ammissibili. Ma un conto è chi la contesta nel tracciato, nel pretendere garanzie, trasparenza e rispetto delle regole, un’altra cosa è invece opporsi all’opera per ribaltare lo Stato, minacciare le imprese che lavorano, per fare violenza sugli operati… Questo è inaccettabile” ha dichiarato Lupi sulla Tav. “Questa non è opposizione ma criminalità e delinquenza”.