Sfratti: bene emendamento approvato, nessuna proroga

“L’emendamento approvato sulla questione sfratti per fine locazione fa giustizia in doppio senso, non perpetua una automatica proroga degli sfratti, considerata incostituzionale dalla Consulta, e dà il tempo ai casi effettivamente bisognosi perchè venga attuato il passaggio da casa a casa.
Per questi casi i Comuni possono usare il fondo affitti, finanziato nel 2014 con 100 milioni e nel 2015 con altri 100”. Così il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, sull’emendamento al Milleproroghe approvato nelle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera sulla mancata proroga degli sfratti.
“In attesa che questi fondi siano materialmente disponibili, proprio per facilitare il passaggio da casa a casa, su richiesta dell’inquilino il giudice competente per l’esecuzione dello sfratto ha 120 giorni a partire dalla data di conversione della legge per decidere la sospensione dello sfratto e la sua durata.
Non c’è quindi nessun automatismo generalizzato, ma – conclude Lupi – vera volontà di risolvere l’emergenza caso per caso con attenzione al bisogno e rispetto dei diritti di tutti”.