Niente Imu anche per le case in comodato ai figli

Roma, 15 dicembre 2015 – La tutela della casa come bene primario per i cittadini è sempre stata un nostro obiettivo. L’esenzione del pagamento dell’Imu per la casa in cui si abita, una delle tasse più odiose per chi ha risparmiato una vita per comprarsela, è stata estesa grazie a un nostro emendamento al Senato anche alle prime case date in comodato ai figli. Ora, grazie a un nostro emendamento alla Camera anche la seconda casa posseduta nello stesso Comune in cui si risiede e data in comodato ai figli godrà dell’esenzione del 50% di Imu e Tasi. Inoltre l’esenzione del 25% di Imu e Tasi sarà concessa anche a chi metterà in affitto l’appartamento a canone concordato. Se a tutto questo si aggiunge la possibilità dell’abitazione in leasing, una modalità di accesso al credito molto più semplice della concessione di un mutuo, la nostra azione a favore soprattutto delle giovani coppie e di chi vuole mettere su famiglia sul tema della casa si è dimostrata decisiva.