LA NUOVA #RAI E’ QUELLA DI “GIOVANI E RICCHI”?

“Siamo curiosi di sapere qual è l’obiettivo che il direttore di Rai2 Ilaria Dallatana, voluta e giustamente ben pagata per la sua professionalità, esperienza e conoscenza del mezzo televisivo, intendeva raggiungere nel mandare in onda un programma come ‘Giovani e ricchi’. Lo share? In effetti c’è stato. Ma a questo si riduce la ricerca della qualità, la narrazione del Paese, le finalità educative del servizio pubblico di cui ci ha a lungo parlato il nuovo direttore generale?”. A chiederlo è Maurizio Lupi, capogruppo di Area popolare alla Camera e componente della Commissione Vigilanza Rai.
“Ed è proprio per capire quale sia stata la ratio di tale scelta, la sua conformità ai criteri enunciati nelle varie audizioni dei vertici Rai in Vigilanza – annuncia Lupi – presenteremo un’interrogazione nella convinzione che non è ammissibile chiedere ai cittadini di pagare un canone per vedere le risorse pubbliche utilizzate per produrre un docureality sulle fisse di quattro rampolli multimilionari. Se ci verrà risposto che il metro di valutazione per la messa in onda dei programmi in televisione in ultima istanza non può che essere quello degli ascolti, chiederò allora perché programmi dagli ascolti infinitesimali continuano ad andare in onda”.