Dati Istat confermano che Governo ha lavorato bene, anche sui voucher

I dati diffusi oggi dall’Istat sul terzo trimestre del 2016 permettono di iniziare a fare qualche bilancio, numeri alla mano, dell’azione di governo di questi anni e dei suoi risultati. I dati Istat certificano che nei primi nove mesi del 2016 il reddito e il potere di acquisto delle famiglie è cresciuto dell’1,8%, che sono cresciuti i consumi, che diminuisce l’indebitamento netto dello Stato, così come diminuisce la pressione fiscale. C’è un’altra notizia di oggi su cui riflettere, ed è l’uso dei voucher da parte di importanti Comuni italiani che non definirei ‘governativi’, vedi Torino e Napoli, e anche da parte di chi pubblicamente li vorrebbe eliminare: è il caso del sindacato pensionati della Cgil di Bologna e dell’Emilia Romagna. La realtà è sempre più forte della demagogia e delle affermazioni ideologiche: i voucher tolgono dal mercato nero i lavoratori occasionali, così come il Jobs act, sempre dati alla mano, ha creato occupazione. Ci sono riforme alle quali come Area popolare abbiamo collaborato e dalle quali il Paese non può tornare indietro.