Famiglia: i dati diffusi oggi da Istat ci dicono che l’Italia non è un paese per giovani.

Rovesciando il titolo di un romanzo di Cormac McCarthy, i dati diffusi oggi da Istat ci dicono che l’Italia non è un paese per giovani.
Tutti ormai si sono accorti, purtroppo con ritardo, dell’allarme demografico, della denatalità che condanna al declino il nostro paese, e propongono soluzioni spot che miracolosamente convincerebbero gli italiani a fare figli.
C’è invece una questione culturale di fondo che ridia alla famiglia il posto centrale che deve avere in una società in crescita.
Serve una politica globale a favore della famiglia un nuovo Family Act che parta dalla questione fiscale, un fattore famiglia che aumenti le detrazioni in base al numero dei figli, si occupi della conciliazione lavoro-famiglia con incentivi alle imprese che la favoriscono, affronti il problema del microcredito per le famiglie in difficoltà e aumenti la dotazione del fondo di aiuto per le giovani coppie che vogliono acquistare la prima casa. Per questo nel nostro programma c’è la richiesta di restituire il ministro della Famiglia