L’appello "all’altra Italia" del presidente Silvio Berlusconi nella sua lettera al Corriere della Sera è condivisibile nel metodo e nel merito.

L’appello “all’altra Italia” del presidente Silvio Berlusconi nella sua lettera al Corriere della Sera è condivisibile nel metodo e nel merito.
Siamo sempre stati sostenitori di una politica che facesse della serietà, della sobrietà, della competenza, insomma della responsabilità e del saper fare i conti con la realtà, il suo perno.
L’onestà personale è un prerequisito, non può essere il solo contenuto di una politica che non fa altro che suscitare e cavalcare indignazione