In vista delle elezioni europee il compito di Forza Italia e dei moderati deve essere quello di rimettersi insieme e rinnovarsi.

In vista delle elezioni europee il compito di Forza Italia e dei moderati deve essere quello di rimettersi insieme e rinnovarsi.
In questi giorni noi popolari stiamo dialogando con Forza Italia in attesa di vedere quale evoluzione prenderà la proposta politica definita da Silvio Berlusconi come ‘l’Altra Italia’. Intanto, sono d’accordo con Giovanni Toti nel dire che il nemico non è nel centrodestra.
Questo, piuttosto, è il momento di costruire ponti tra di noi per far tornare il centrodestra ad essere una forza politica consistente in grado di governare il Paese.
Per questo gli consiglio di insistere sempre più sul modello politico che sta portando avanti e sugli ottimi risultati ottenuti – la sua forza- e sempre meno sulle discussioni formali di palazzo, che hanno solo il risultato di far prendere voti agli altri.
Per quanto io creda sia doveroso cercare di unire, però, il ritorno a modelli del passato non corrisponde alla nostra storia e per questo non mi entusiasma la ‘gamba’ politica della Meloni, a meno che lei non intenda rinunciare ad un pezzo della sua storia contribuendo a costruire tutti insieme un Pdl 4.0, cioè un’unione delle forze complementari alla Lega per fare una proposta politica nuova.