Il prossimo consiglio europeo sarà importantissimo: sarà il primo della ‘’nuova Europa’’, sarà il consiglio europeo del nuovo inizio.

Ha ragione il presidente Conte nel dire che il prossimo consiglio europeo sarà importantissimo: sarà il primo della ‘’nuova Europa’’, sarà il consiglio europeo del nuovo inizio.
Per questo lo sforzo del Governo dovrebbe essere quello di portare con sé il consenso di tutto il Paese e non solo quello del Contratto di Governo, perché in gioco non vi saranno solamente gli interessi dell’Unione europea ma anche gli interessi e il ruolo del nostro Paese nel prossimo futuro.
Su un elemento potremo costruire questo consenso di tutti: ci vuole un’Europa sempre più politica e sempre meno burocratica. Una Europa che lasci sempre meno spazio all’arido linguaggio dei numeri e sempre più al linguaggio della solidarietà che mette al centro l’interesse dei cittadini e l’interesse dei popoli.
 

Ha ragione il presidente #Conte nel dire che il prossimo consiglio europeo sarà importantissimo: sarà il primo della ‘’nuova #Europa’’, sarà il consiglio europeo del nuovo inizio.Per questo lo sforzo del #Governo dovrebbe essere quello di portare con sé il consenso di tutto il Paese e non solo quello del Contratto di Governo, perché in gioco non vi saranno solamente gli interessi dell’Unione europea ma anche gli interessi e il ruolo del nostro #Paese nel prossimo futuro.Su un elemento potremo costruire questo consenso di tutti: ci vuole un’Europa sempre più politica e sempre meno burocratica. Una Europa che lasci sempre meno spazio all'arido linguaggio dei numeri e sempre più al linguaggio della #solidarietà che mette al centro l’interesse dei cittadini e l’interesse dei #popoli.

Pubblicato da Maurizio Lupi su Mercoledì 19 giugno 2019