Il voto sulla Piattaforma Rousseau è una vergogna, un surrogato mal riuscito di democrazia diretta.

Il voto sulla #PiattaformaRousseau è una vergogna, un surrogato mal riuscito di democrazia diretta.
Affidare la costituzione o meno di un governo al risultato della consultazione sulla piattaforma Rousseau equivale a svuotare di senso il Parlamento e la democrazia rappresentativa.
Per anni abbiamo sentito parlare del teatrino della politica, ora siamo al teatrino dell’assurdo. Due partiti, che stanno tentando di formare una maggioranza in Parlamento, come prevede la nostra #<, notoriamente ‘la più bella del mondo’ a parere di #grillini e #piddini, e come ha giustamente ricordato il presidente #Mattarella, che rappresentano circa 18 milioni di italiani che li hanno votati, sono appesi al verdetto dei clic di risposta a una genericissima domanda su cui si esprimeranno poche decine di migliaia di internauti.

Il mio voto sarà nettamente contrario ad un governo giallo rosso, il più a sinistra della storia della #repubblica, ma in ogni caso resta la vergogna di un surrogato penoso e mal riuscito di democrazia diretta.