COVID E IL NUOVO VIRUS DELLA RASSEGNAZIONE

Oltre al dannato Covid, oggi c’è un altro virus che si sta insinuando tra le persone: la rassegnazione. La rassegnazione delle scuole, degli studenti, dei commercianti, delle persone. Il mio intervento in aula in risposta al Ministro Speranza. IL MIO VIDEO SU FB

Continua a leggere …

IL COVID E’ Il QUINTO PARTITO DEL GOVERNO

In questi mesi ho maturato una convinzione: la maggioranza che sostiene il governo non è fatta di quattro partiti (Pd, M5s, Iv e Leu) ma di cinque. Il quinto partito si chiama Covid. Non ho ancora ben capito però se sia lui che lavora per loro o se siano loro a lavorare per lui. In ogni caso è l’unico motivo, l’unico collante che li tiene ancora insieme e in piedi. E mentre continuano a spostare in là la soglia…

Continua a leggere …

NOI CON L’ITALIA E LEGGE DI BILANCIO

Dopo una settimana di battaglia in commissione, vi racconto il contributo dell’opposizione e di Noi con l’Italia alla prossima Legge Di Bilancio: Detrazione in 15 anni (e non più in 6) dei prestiti sottoscritti dalle piccole imprese, con la garanzia dello Stato al 100%; Anno Bianco per autonomi e partite IVA; Cassa Integrazione per autonomi e partite IVA; Nuovi fondi alle scuole paritarie per gli insegnanti di sostegno dei ragazzi disabili; Risarcimento da parte dello Stato delle Spese Legali…

Continua a leggere …

IL VIRUS NON ESISTE PER LE ELEZIONI

Non capisco: il virus c’è per le scuole ma sparisce in caso di elezioni anticipate? Non ho nulla contro l’ipotesi di risolvere una crisi di governo con il voto degli italiani, ho solo una domanda da fare a chi da giorni da un lato minaccia le elezioni anticipate e dall’altro blocca in casa le famiglie, non fa frequentare la scuola agli studenti, chiude ristoranti e negozi, non permette spostamenti. La pandemia c’è o non c’è? A febbraio, ipotetica data…

Continua a leggere …

MAGGIORANZA LITIGA SUL RIMPASTO, NOI INVECE ABBIAMO LE PROPOSTE

Maggioranza litiga per rimpasto, noi abbiamo proposte per P.Iva, scuole e imprese. Di fronte allo spettacolo desolante di una maggioranza che litiga sul rimpasto, noi chiediamo al governo di pronunciarsi sulle nostre proposte: aiutare P.Iva, allungare restituzione prestiti alle imprese, aiutare scuole, in particolare le paritarie.

Continua a leggere …

AUMENTANO I POVERI, IL GOVERNO NON SI PREOCCUPA

C’è qualcosa di schizofrenico in chi ci governa. Prima ci spiegano che l’assegnazione del colore di una regione dipende da ben 21 criteri “scientifici”, poi, dopo che quasi tutte le regioni sono entrate in zona gialla perché, seppur lentamente, i contagi e i ricoveri calano, lanciano l’allarme in base ad alcune foto delle vie dei centri di alcune grandi città affollate per lo shopping natalizio: a Natale si chiude tutto. Da quando le foto sono un indicatore scientifico? E…

Continua a leggere …

CENTRODESTRA, UNITI SUI FATTI

Il centrodestra non è unito nelle intenzioni ma nei fatti: dall’inizio della pandemia abbiamo sempre lavorato insieme, votato scostamenti di bilancio, proposto emendamenti migliorativi a tutti gli atti del Governo giallo-rosso. Non si tratta di fare opposizione sui social, si tratta di essere responsabili e di avere a cuore il futuro degli Italiani. Sarà così anche in questa Manovra. Lavoreremo per meno assistenzialismo e statalismo e più scuola pubblica (statale e paritaria), più famiglia, più trasporti adeguati alla pandemia…

Continua a leggere …

MES, BISOGNA RIFORMARLO

Perché se vediamo dei limiti dobbiamo votare sì alla riforma del MES? Perché non metterci in gioco come Paese fondatore per riformare uno strumento tecnocratico che è stato costruito su logiche vecchie, oggi che il mondo è radicalmente cambiato? Il Mes salva-stati va radicalmente riformato, ma quella che ci propongono è una riforma che ci mette in mano a una tecnocrazia che può decidere che cosa fare del nostro debito pubblico. Piuttosto usiamo i 37 miliardi del Mes per…

Continua a leggere …

COMMERCIANTI, IL DELIRIO DECRETATORIO CONTINUA

L’avvocato del popolo nel suo delirio decretatorio si è dimenticato del popolo, e anche della Costituzione. In Italia è praticamente ormai azzerata la libertà di movimento. Il presidente del Consiglio e i suoi consiglieri ritengono di saper difendere meglio i nostri anziani di quanto possano fare i loro figli. Con il divieto di spostamento dall’area del comune di residenza nei giorni festivi dimostrano di non sapere come è fatta l’Italia, perché un conto è vivere a Roma e un…

Continua a leggere …