BONAFEDE – Carceri a rischio Covid19

IL VIDEO DEL QUESTION TIME   On. ALESSANDRO COLUCCI Signor Ministro, la capienza delle carceri italiane è per 50.931 persone, e sono reclusi attualmente 53.785 detenuti, quindi ci sono 2.854 persone in più nelle carceri italiane; vuol dire che c’è sovraffollamento e promiscuità. Per questo la conferenza dei garanti territoriali delle persone private della libertà ha rivolto un appello al Parlamento per rischio di contagio, perché non c’è il distanziamento nelle carceri e perché è difficile garantire il livello…

Continua a leggere …

LOCKDOWN – La libertà delle persone

Con i poteri pubblici (soprattutto se straordinari) e con la libertà delle persone non si può essere approssimativi. Il sospetto che il diritto si faccia arbitrio lo si fuga solo con la chiarezza dei dati e la certezza della legge. Questo è l’unico modo per rispettare la ragione e l’intelligenza dei cittadini, che hanno e avranno sempre il diritto di capire per sentirsi responsabili. Altrimenti i ristoratori di Torino, Milano o di Reggio Calabria non capiranno mai perché loro…

Continua a leggere …

COVID19 – Serve collaborazione responsabile

Da parte mia e del nostro gruppo ci associamo alla richiesta della collega Gelmini, del collega Molinari e degli altri colleghi dell’opposizione, appunto perché urgentemente, il più presto possibile il Ministro Speranza venga qui in Parlamento a riferire sulle ragioni delle scelte e sui dati. Lo dico anche ai colleghi della maggioranza, noi siamo in un paradosso: da una parte il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio, tutti noi chiediamo unità, collaborazione, responsabilità; dall’altra poi nei fatti questa…

Continua a leggere …

COVID19 – Restrizioni e rabbia

Nulla fomenta la rabbia più dell’incertezza. E questo governo in questi giorni ha dato solo incertezze. Bisognava avere il coraggio di dire al Paese la verità, trattare gli italiani da adulti e spiegare le ragioni delle restrizioni e scommettere sulla loro responsabilità. Non chiedere adeguamenti ai ristoratori, alle palestre ai teatri, agli insegnanti, per poi gettarli nello sconforto con le chiusure. La paura non è mai ragione per fare le scelte. La paura isola, genera angoscia e fa naufragare…

Continua a leggere …

COVID19 – Da immuni a infami

Dall’app. “Immuni”, all’app. “Infami”. L’aver prorogato l’emergenza al 31 gennaio non ha autorizzato né il Presidente del Consiglio, né il Ministro della Salute, né il Consiglio dei Ministri a superare i limiti che la Costituzione ha delineato e quelli che la legge ha stabilito siano compito di indirizzo del Parlamento. L’accesso alla Proprietà Privata è un diritto fondamentale, l’Esecutivo non ha alcun potere su di esso. Certo, oggi da obbligo hanno trasformano in ‘’raccomandazione’’ tutto questo, ma a voi…

Continua a leggere …

INFORMATIVA SPERANZA

Il Governo la smetta di fare lo scaricabarile. La situazione in Italia è migliorata ma il Governo deve essere chiaro e insistere sulla responsabilità dei cittadini e non sulla paura. Non possiamo richiudere tutto, il Paese non può permettersi un’altro lockdown. Basta con lo smartworking, la legge stabilisce che massimo il 30% del lavoro può essere svolto a casa. Si ritorni presto negli uffici. Si tolga la responsabilità penale dei datori di lavoro in caso di Covid19. Comunichiamo i…

Continua a leggere …

RECOVERY FUND – 209 miliardi

Arriveranno 209 miliardi dal Recovery Fund. Bene, che ne facciamo? I precedenti non depongono a nostro favore: a fine del 2018, ultimi dati disponibili, l’Italia doveva ancora usare 58 miliardi sui 75 dei Fondi europei per il settennio 2014-2020. Delle risorse per occupazione, ricerca e piccole imprese ne abbiamo spese solo il 20 per cento. Il problema non saranno i vincoli esterni, non sarà l’Europa. Il problema sarà la capacità del Governo di costruire e poi realizzare i progetti che…

Continua a leggere …

FONDI DALL’UE

Sono certo che tutto il Parlamento sosterrà l’operato sul Recovery Fund, ma il presidente Conte la deve smettere di temporeggiare. Subito si tratti perché quei soldi, previsti dal 2021 al 2026, arrivino presto. Non basta che nel 2021 venga prevista l’erogazione del 5.9% dei 750 miliardi annunciati (44 miliardi per tutta l’Europa, la metà del nostro scostamento di bilancio. Pochi). Bisogna fare il possibile per anticipare una parte di questi fondi e usare quelli già disponibili. Ai paesi frugali poi…

Continua a leggere …

Dl Rilancio – Dichiarazione di voto

C’è un detto popolare nella mia Brianza: Fanàiman. Fai muovere le mani, lavora, datti da fare. Esattamente il contrario dell’idea di Paese che questo Governo sta realizzando. La mia dichiarazione di voto sul Dl Rilancio. https://www.facebook.com/mauriziolupi.it/videos/1666165176892133/

Continua a leggere …