Centrodestra: Bene l’iniziativa di Berlusconi, ma bisogna ripartire dai territori.

Centrodestra: Bene l’iniziativa di Berlusconi, ma bisogna ripartire dai territori. Il presidente Silvio Berlusconi dice oggi sul Corriere della Sera che bisogna ripartire, che c’è un’Altra Italia, moderata, liberale, ragionevole, che non si riconosce per metodo e contenuti nel contratto che oggi si appresta a governare il Paese. Sono d’accordo, bisogna ripartire da questa altra Italia, dai suoi valori, dalla sua storia, dalla sua capacità di costruzione. Non potrà essere solo l’essere contro, contro il reddito di cittadinanza, contro…

Continua a leggere …

I Lumbard? Solo un pezzo dell'alleanza- Intervista a Repubblica Milano

MAURIZIO Lupi, capogruppo alla Camera di Area popolare e leader di Milano popolare, lei dice che la sinistra è nervosa, ma a giudicare dai battibecchi anche la destra non è messa bene alla vigilia del ballottaggio. «Se si riferisce a Maroni ed Albertini, la forza di Gabriele è anche che dice sempre le cose che pensa, ma la coalizione ha dimostrato di essere compatta». Parisi, però, a volte sembrava voler dare ragione a qualunque alleato parlasse con lui. «Non mi…

Continua a leggere …

Candidati grillini inadeguati. A Napoli voterei Lettieri

Si vota per il sindaco delle proprie  città, credo che non bisogna scegliere un sindaco per fare dispetto a qualcun altro o per mandare a casa il governo, ma se lo si ritiene capace di governare la città. Se votassi a Roma, fra Raggi e Giachetti, per come lo conosco sceglierei sicuramente Giachetti, come a Napoli non avrei alcun dubbio nel sostenere Lettieri. Con tutto il rispetto per la proposta politica dei grillini, credo che i loro candidati siano…

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged,, Commenti disabilitati su Candidati grillini inadeguati. A Napoli voterei Lettieri
Grazie di cuore ai 16 mila milanesi che hanno votato Milano popolare.

Adesso continuiamo a lavorare per cambiare Milano con #‎Parisisindaco‬. Alla luce dei risultati il dato politico vero e’ che dove c’e’ una proposta politica credibile, come quella di Parisi a Milano, non c’e’ spazio per i grillini e che una proposta centrista, come quella di Milano popolare, ha un suo spazio. Le vere alternative si creano proprio attraverso la credibilita’ dei candidati. A Milano, i numeri hanno dimostrato anche che la citta’ e’ una citta’ di moderati e che una forza come la…

Continua a leggere …

Nella città del futuro famiglie e terzo settore tornino le priorità – Intervista a Il Giornale Milano

Siamo arrivati al giorno del voto. Maurizio Lupi, capolista di Milano popolare, come trascorrerà questa giornata di attesa? «Sarò a Milano. E questa sera ospite a Porta a Porta». A chi vuole rivolgere l’ultimo appello?  «Mi rivolgo ai milanesi moderati, a quella maggioranza di cittadini che si rimboccano le maniche. So che sono delusi dalla politica. Proprio a loro dico che con Stefano Parisi abbiamo fatto in modo di scegliere il sindaco migliore e non il meno peggio». Che…

Continua a leggere …

Lega all'attacco? La linea la detta Parisi – Intervista al Giorno

Maurizio Lupi, capolista di Milano popolare alle elezioni comunali, sostenitore della candidatura a sindaco di Stefano Parisi, Renzi martedì ha detto a Sala e al centrosinistra milanese: «Avete, anzi abbiamo un rigore da tirare. E chi si intende di calcio sa che un rigore lo puoi solo sbagliare, perché se lo tiri bene non c’è portiere che lo pari». Cosa risponde? «Rispondo anch’io con una metafora calcistica al presidente del Consiglio, che è tifosissimo della Fiorentina. Forse Renzi ha…

Continua a leggere …

Alleati per Parisi. Ma la destra di Salvini non può stare con noi – Intervista al Corriere della Sera

Matteo Salvini lancia dal Corriere della Sera la sfida a Stefano Parisi: «Vediamo se sul referendum vorrà stare con l’Italia libera o quella schiava». Maurizio Lupi, capogruppo alla Camera di Ap e capolista di Milano Popolare alle amministrative, la respinge seccamente al mittente. Perché «se vincerà Parisi, come credo e mi auguro, sarà lui a comandare, senza condizionamenti della vecchia politica». E perché, nel merito, non si può fare del referendum un’ordalia: «Sarà una scelta tra l’immobilismo e la…

Continua a leggere …