Di Maio fugge come il Re l’8 settembre. Allora fu lo sbando, oggi l’Italia tira un sospiro di sollievo

Di Maio fugge come il Re l’8 settembre. Allora fu lo sbando, oggi l’Italia tira un sospiro di sollievo. Il collezionista di incarichi e líder maximo dei 5 stelle Luigi Di Maio, tre giorni prima che il popolo di cui si è sempre dichiarato portavoce si esprima in Emilia Romagna e Calabria, ha deciso di dimettersi. La sua fuga mi ha ricordato quella del Re dell’8 settembre 1943. Allora il Paese andò allo sbando, forse questa volta tirerà un…

Continua a leggere …

Intervista a La Verità: “Mi dimisi ed è finito tutto nel nulla, ma certi soloni non chiedono scusa”

“Mi dimisi ed è finito tutto nel nulla, Ma certi soloni non chiedono scusa” «Nel 2015 lasciai le Infrastrutture da non indagato, solo per lo “scandalo” dell’orologio regalato a mio figlio. C’è stata una nuova archiviazione, però alcuni giornalisti continuano a comportarsi come degli inquisitori»   Buongiorno Maurizio Lupi, come sta? «Sto bene perché non ho nessun rimpianto e nessuna recriminazione. Quando mi sono dimesso da ministro l’ho fatto per difendere un’idea di politica e di governo, ma soprattutto…

Continua a leggere …

Grandi opere, l’indagine finisce in archivio

‘’Grandi opere, l’indagine finisce in archivio’’. Mi dimisi il 15 marzo 2015, pur non essendo mai stato indagato, per le polemiche suscitate da quell’inchiesta e per gli attacchi alla mia famiglia. Oggi, a distanza di 4 anni, continuano le archiviazioni. Ero certo, come lo sono adesso, della correttezza del lavoro dei miei collaboratori al ministero e non ho mai contestato la legittimità delle indagini ma sempre il processo mediatico che ne è seguito e la sua strumentalizzazione politica. Non…

Continua a leggere …