Di Maio fugge come il Re l’8 settembre. Allora fu lo sbando, oggi l’Italia tira un sospiro di sollievo

Di Maio fugge come il Re l’8 settembre. Allora fu lo sbando, oggi l’Italia tira un sospiro di sollievo. Il collezionista di incarichi e líder maximo dei 5 stelle Luigi Di Maio, tre giorni prima che il popolo di cui si è sempre dichiarato portavoce si esprima in Emilia Romagna e Calabria, ha deciso di dimettersi. La sua fuga mi ha ricordato quella del Re dell’8 settembre 1943. Allora il Paese andò allo sbando, forse questa volta tirerà un…

Continua a leggere …

Sono 4 i sostantivi per definire il caso Ex Ilva gestito dal Movimento 5 Stelle: Demagogia, irresponsabilità, approssimazione e imbarazzo

Sono 4 i sostantivi per definire il caso Ex Ilva gestito dal Movimento 5 Stelle: Demagogia, irresponsabilità, approssimazione e imbarazzo

Continua a leggere …

Assurdo equiparare con lo spazzacorrotti il volontariato ai partiti politici.

Assurdo equiparare con lo spazzacorrotti il volontariato ai partiti politici. Invece dei corrotti questa legge rischia di spazzare via la parte migliore della società italiana: il volontariato, l’associazionismo culturale, assistenziale, sportivo ed educativo. Nella fretta di approvare una legge contro la cosiddetta casta dei politici hanno fatto una norma contro chi si impegna per gli altri. L’allarme lanciato oggi da un articolo del Corriere della sera è serio: equiparando ai partiti ogni associazione o fondazione che abbia nei suoi organi direttivi una…

Continua a leggere …

Continua la campagna del Movimento 5 Stelle contro la libertà di stampa. Pensate stia esagerando? Elenchiamo qualche fatto avvenuto negli ultimi mesi:

Continua, ed è preoccupante soprattutto perché è fatta dagli scranni del Governo, la campagna del Movimento 5 Stelle contro la libertà di stampa. Pensate stia esagerando? Elenchiamo qualche fatto avvenuto negli ultimi mesi: 1) L’escalation di insulti da parte di Beppe #Grillo – “carogne”, “schiavi degli editori”, “pennivendoli”, “inchiostratori “, “falsari”, “walking dead”, “vi mangerei solo per il gusto di vomitarvi” – sino alla nomination sul suo blog del “giornalista del giorno” esposto alla gogna degli insulti dei militanti….

Continua a leggere …

Casalino si crede premier, ma già portavoce è troppo.

Casalino si crede premier, ma già portavoce è troppo. Rocco Casalino, sempre più nel ruolo di premier ombra, vuole cacciare i funzionari del ministero dell’Economia perché non obbediscono agli ordini di Di Maio: “Fate deficit”. Anni a farci prediche sulla competenza e l’indipendenza dei servitori dello Stato poi invece si scopre che li vogliono solo asserviti a sé. Non gli vanno bene quelli che si laureano, superano concorsi e hanno carriere internazionali, preferiscono quelli con il curriculum taroccato come…

Continua a leggere …

Dobbiamo fare una legge di Bilancio che sostenga le famiglie, le imprese ed il lavoro.

Dobbiamo fare una legge di Bilancio che sostenga le famiglie, le imprese ed il lavoro. Fare gli interessi degli italiani vuol dire infatti smetterla con questi continui proclami,come quelli del movimento 5 stelle, che hanno l’unico risultato di allarmare i mercati, che ci prestano 400 miliardi. Il mio intervento al TG1 del 4 Settembre 2018

Continua a leggere …