MES – Voto in Parlamento

In vista del Consiglio europeo di domani, in cui si parlerà degli aiuti dell’UE ai vari Paesi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha scelto di fare un’informativa anziché una comunicazione al Parlamento. Non è una questione tecnica per addetti ai lavori, è una scelta politica, che denota la fragilità della maggioranza, che è divisa soprattutto sull’uso dei 37 miliardi del MES. Così come è divisa l’opposizione, che sul MES vede Lega e Fratelli d’Italia sulla stessa linea dei 5…

Continua a leggere …

Non si può gestire un’emergenza come quella drammatica che il Paese sta vivendo con dirette Facebook

Non si può gestire un’emergenza come quella drammatica che il Paese sta vivendo con dirette Facebook. Il presidente del Consiglio prende provvedimenti e li comunica direttamente ai cittadini, ma sui provvedimenti da prendere il contributo del Parlamento è non solo utile ma necessario. Faccio un solo esempio: si blocca tutto ciò che non sia direttamente connesso alla filiera alimentare, ma ci si dimentica l’informatica, se si bloccano le casse dei supermercati che cosa succede? E se saltano i Pc…

Continua a leggere …

Cura Italia: Se manca il pane non dai una brioche

Se manca il pane non dai una brioche. Abbiamo collaborato con il governo presentando le nostre proposte, e in questi giorni insieme agli altri partiti dell’opposizione in un confronto assiduo, e dopo una lunga fase di indecisione finalmente il governo ha approvato il ‘decreto marzo’. Questo ritardo ha già provocato incertezze a tutti coloro che in questi giorni dovevano adempiere alle scadenze fiscali. I 25 miliardi stanziati sono un primo importantissimo segnale, ma ricordiamoci che se manca il pane…

Continua a leggere …

Lettera al Foglio: La democrazia non chiude

lo, con sulla pelle l’esperienza di Milano e della Lombardia, sono tra coloro che hanno spinto per i provvedimenti drastici di fronte all’emergenza del coronavirus. Va bene sospendere tutto, ma trovo imbarazzante sospendere anche il Parlamento. Alla Camera dei deputati la prossima settimana salterà il question time (e le assicuro che le interrogazioni che si potrebbero porre, per esempio al ministro dell’Economia, in diretta televisiva, non sono certo estranee all’emergenza che stiamo vivendo), anche la seduta della prossima settimana…

Continua a leggere …

Le riforme costituzionali non si fanno per seguire la popolarità e non si fanno per demagogia. Si fanno per responsabilità.

Le riforme costituzionali non si fanno per seguire la popolarità e non si fanno per demagogia. Si fanno per responsabilità. La democrazia non è un costo, la rendiamo tale solo quando è inefficiente! Abbiamo votato contro il taglio dei parlamentari non per difendere una poltrona ma per difendere il valore delle istituzioni da una riforma fatta male. Le riforme costituzionali non si fanno per seguire la popolarità e non si fanno per demagogia. Si fanno per responsabilità.La democrazia non…

Continua a leggere …

Dl Dignità: No a scorciatoie e a tagli dei tempi

Dl Dignità: No a scorciatoie e a tagli dei tempi Sul decreto dignità non sono accettabili tempi ridotti. Camera e Senato devono poterlo discutere in modo approfondito. È anche questa una questione di dignità, quella dignità del Parlamento di cui parlava il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico il giorno del suo insediamento. Capisco la fretta dei 5 stelle che vogliono far dimenticare le due settimane interminabili passate dall’approvazione del decreto in Consiglio dei ministri e la sua…

Continua a leggere …

La mia dichiarazione di voto sul DEF

La mia dichiarazione di voto sul DEF Intanto, essendo la prima volta che il Ministro dell’economia fa il suo intervento in Aula, auguri di buon lavoro. Lei sa la stima che abbiamo nei suoi riguardi e, tra l’altro, l’intervento che ha fatto conferma la serietà e la responsabilità del suo ruolo. Tuttavia, fatta questa premessa non formale, le dico già sin d’ora che il nostro gruppo parlamentare non voterà la risoluzione presentata dalla maggioranza – ha sottoscritto la risoluzione…

Continua a leggere …

La proposta di impeachment dei 5 stelle non ha alcun fondamento.

La proposta di impeachment dei 5 stelle non ha alcun fondamento. Oltre che irresponsabile, proporre l’impeachment per il Presidente #Mattarella non ha alcun fondamento. Il capo dello Stato ha osservato scrupolosamente il dettato costituzionale, le prerogative assegnate alla Presidenza della Repubblica da quella Costituzione che i 5 Stelle evidentemente non conoscono, o pensano di poterla piegare alle loro convenienze politiche. La cultura istituzionale è come il coraggio manzoniano, chi non c’è l’ha non se la può dare.

Continua a leggere …