Gli sgomberi devono certamente tener presenti gli aspetti umani ma occupare una casa resta un reato
Marco - Minniti

«La circolare sugli sgomberi che il ministero dell’Interno si appresta ad emanare non può andare contro la legge. Lo dico preventivamente perché leggo su organi di stampa annunci che destano allarme in tal senso. Ed è legge dello Stato da tre anni un decreto approntato quando ero al ministero delle Infrastrutture che tutela i legittimi proprietari di casa e il diritto alla proprietà privata. Gli sgomberi devono certamente tenere presenti gli aspetti umani delle famiglie coinvolte ma non deve assolutamente…

Continua a leggere …

TRATTATI ROMA SIANO OPPORTUNITÀ RINASCITA E NON OCCASIONE SPRECATA

Roma, 25 mar. – Oggi la celebrazione dei 60 anni dei Trattati di Roma, non possiamo permetterci il lusso di viverla come un’occasione sprecata. Come ha chiesto il Papa ai leader europei, dobbiamo immedesimarci nelle sfide che portarono all’Unione europea per cogliere quelle di oggi come l’opportunita’ di una rinascita. Non possiamo limitarci a un approccio contabile, burocratico ed economico, i cambiamenti in atto ci pongono una domanda che e’ soprattutto culturale. La politica ha oggi questa responsabilita’, non…

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged,, Commenti disabilitati su TRATTATI ROMA SIANO OPPORTUNITÀ RINASCITA E NON OCCASIONE SPRECATA
MAI SI È VISTO SINDACO IN PIAZZA CON CHI GLI BLOCCA CITTÀ. #TAXI

(DIRE) Roma, 21 feb. – “Siamo al paradosso di un sindaco in piazza con chi sta bloccando un servizio pubblico di cui il sindaco stesso dovrebbe essere garante. Noi abbiamo sempre compreso e difeso le giuste ragioni dei taxisti contro la concorrenza sleale, l’abusivismo e l’assenza di regole sfruttata da Uber. Ma quando la rivendicazione di un diritto sfocia nell’interruzione di un servizio pubblico e in manifestazioni violente come sta avvenendo di fronte alla sede del Pd, dalla ragione…

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged,, Commenti disabilitati su MAI SI È VISTO SINDACO IN PIAZZA CON CHI GLI BLOCCA CITTÀ. #TAXI
Roma non si governa con il populismo. Di Maio faccia riflessione

Il movimento Cinque Stelle può gridare al complotto come si faceva nella vecchia politica. Ma la realtà è una sola, quando sei chiamato a governare una città non servono populismi e demagogie, ma capacità e responsabilità concreta per risolvere le cose. Inoltre, un consiglio all’on. Di Maio: gli atti della Camera, di cui è vicepresidente, li legga con più attenzione delle mail della senatrice Taverna.

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged,,, Commenti disabilitati su Roma non si governa con il populismo. Di Maio faccia riflessione
Proposta: facciamo che chi perde a Milano poi viene a governare Roma? – Lettera a Il Foglio

Al direttore – Condivido gli aggettivi che colorano l’analisi politica dell’editoriale del Foglio di ieri sulla candidatura di Stefano Parisi a sindaco di Milano. Non mi piace il titolo. Io avrei scritto: “La risorsa di Parisi a Milano sono i suoi”. Ma, con ordine: grottesco, tragicomico, farlocca ben dicono della situazione creatasi a Roma nel centrodestra. La lite romana è solo l’epilogo del centrodestra che abbiamo abbandonato. Salendo sul palco di Bologna, Berlusconi ha dato compimento alla vignetta in…

Continua a leggere …

MARCHINI NOSTRO CANDIDATO? NO COMMENT

“A PRESCINDERE DA NOME, APRIRE A CITTÀ E COINVOLGERE I CITTADINI” (DIRE) Roma, 21 gen. – “Se Alfio Marchini può essere il nostro candidato sindaco a Roma? Non rispondo, se ci incontreremo con candidati civici lo vedremo, ma il punto e’ che chi sceglieremo dovrà esser il miglior candidato possibile per Roma e rappresentare una riapertura alla città e quello che siamo”. Lo ha detto Maurizio Lupi, capogruppo di Area popolare alla Camera, intervenendo al convegno ‘Roma popolare verso il Campidoglio’ organizzato all’Hotel Sheraton dell’Eur…

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged, Commenti disabilitati su MARCHINI NOSTRO CANDIDATO? NO COMMENT
Lupi: Surreale l’attacco a un giornalista che ha solo fatto bene il suo mestiere

“L’attacco a Bruno Vespa per aver invitato in trasmissione una rappresentante della famiglia Casamonica è surreale. Bruno Vespa ha semplicemente applicato, da professionista qual è, la vecchia regola del giornalismo: sentire tutte le campane. Quella stessa regola che vediamo spesso disattesa sui nostri media. E chi doveva chiamare per sapere come hanno vissuto quel funerale le centinaia di persone che vi hanno partecipato, diciamo così, ‘dalla parte del morto’? O l’appartenere a una certa famiglia esclude la libertà di…

Continua a leggere …

Pubblicato inNews Tagged,,, Commenti disabilitati su Lupi: Surreale l’attacco a un giornalista che ha solo fatto bene il suo mestiere